Quantcast

Due categorie di beni: paragone tra finanza e scommesse sportive

scritto da Mercurius

4 cose che le scommesse sportive e i mercati finanziari hanno in comune

Se si è alla ricerca di un bene di investimento alternativo, che sia possibilmente non correlato con gli andamenti del mercato finanziario, si dovrebbe guardare oltre i classici beni. Anche se potrebbe sembrare controintuitivo, si dovrebbero considerare le scommesse sportive come una legittima alternativa alla borsa. D’altronde che differenza c’è tra uno scommettitore ed un investitore?

Quando si decide di comprare delle azioni e quindi di investire in alcune aziende, si sta scommettendo su di esse. Ma questo è così diverso dallo scommettere sulla vittoria di una squadra di calcio?! In verità no, infatti il mondo degli investimenti finanziari, in azioni soprattutto, ed il mondo delle scommesse sportive hanno molti aspetti in comune. Quali sono queste analogie?

  1. Investire vuol dire assumersi dei rischi

    Prima di tutto, si può vedere che in entrambi i casi, ci si assume dei rischi: la differenza è che nel primo caso si decide su quale azienda investire, mentre nel secondo, su quale squadra scommettere. Il rischio insito nella scelta sta nel fatto che entrambi gli esiti sono incerti: non si sa con certezza né come andrà a finire l'azienda né la partita. In entrambi i casi si genererà del profitto se l’investimento o la scommessa andranno a buon fine e questo profitto è giustificato proprio dal rischio stesso che si è corso nell’effettuare queste operazioni.

  2. L’informazione è fondamentale

    Ruolo fondamentale in entrambi i casi è quello dell’informazione: chi ha informazioni migliori ha maggiori probabilità di generare un profitto consistente. Nel mondo della finanza questo aspetto è cristallino: esistono infatti numerose società di consulenza finanziaria (es. fondi speculativi, fondi comuni di investimento ecc.) che studiano l’andamento del mercato ed i bilanci delle varie aziende per capire quali siano i migliori investimenti disponibili. Nel mondo delle scommesse sportive questo aspetto sembra più ambiguo, ma non è così. I dati in questo campo stanno diventando sempre più dettagliati e, se analizzati in modo corretto, permettono di avere un vantaggio rispetto agli scommettitori tradizionali. Questo aspetto non deve stupire o rendere scettici, i dati sportivi possono addirittura essere migliori di quelli finanziari, soprattutto per la loro trasparenza e intuitività. Come David Rothschild (economista alla Microsoft) ha detto: “Mentre le statistiche sportive sono disponibili al pubblico e molto specifiche, nel mercato finanziario gli investitori interagiscono con un tipo di informazione idiosincratica e più nascosta”

  3. Prendere decisioni informate contrapposto a giocare d’azzardo

    Mentre esistono solo teorie sull’efficienza del mercato finanziario, molti studi hanno dimostrato che il mondo delle scommesse sportive sta diventando sempre di più un mercato efficiente grazie all’uso dei big data e dell’analisi quantitativa. Di consenguenza diventa sempre più difficile per il singolo investitore/scommettitore “battere” il mercato e generare profitti. Tuttavia bisogna anche tenere in considerazione che chi compra azioni (oppure chi scommette) non applica sempre delle strategie particolarmente sofisiticate. Ciò è più evidente nel mondo delle scommesse sportive: molti articoli scientifici hanno dimostrato che la maggioranza degli scommettitore non sono razionali e sono vittima dei cosiddetti in inglese "psychological biases" (letteralmente, pregiudizi psicologici): infatti moltissimi individui scommettono semplicemente sulla loro squadra preferita. Ovviamente strategie di investimento come questa ultima sono perdenti sia in ambito finanziario che sportivo, quindi nel lungo periodo non sostenibili.

  4. Si tratta solo di offrire oppure di accettare un prezzo dopo tutto

    In ogni caso, la dinamica della scommessa sportiva è leggermente diversa da quella del mercato finanziario. In particolare, bisogna considerare il meccanismo con cui da un lato si formano le quote e dall’altro i prezzi. Nel mondo finanziario si è in grado di comprare dei titoli perchè da un lato c’è un individuo che vuole comprare e, dall’altro, c’è una controparte che vuole vendere, da questa interazione si genera il prezzo del titolo. In termini economici: la domanda viene abbinata all’offerta a quel particolare prezzo di scambio. Invece, quando si scommette, si “gioca” contro un allibratore, come possono essere SNAI o SISAL, i quali offrono delle quote. Sebbene il meccanismo con cui si formano i prezzi dei titoli sia più noto al grande pubblico rispetto alla metodologia con cui si costruiscono le quote, tale differenza non è poi così rilevante. Entrambi i mercati infatti si comportano come dei giochi a somma zero, cioè se chi scommette (o investe) vince, allora la controparte che sia un allibratore o un altro scommettitore perde. A tale proposito, è interessante citare l’esistenza di alcuni mercati per scommesse sportive che si comportano esattamente secondo la legge della domanda e dell’offerta: si tratta dei cosiddetti betting exchanges, come betfair exchange. Infatti usufruendo di tali piattaforme gli scommettitori scommettono l'uno contro l’altro, senza la necessità dell’intermediazione di un banco.

Quale settore è più conveniente?

Date le somiglianze tra questi due mondi, sorge spontanea la domanda: quale dei due settori è più profittevole? La risposta sicuramente non è facile, specialmente perché la ricerca in questo campo è ancora al suo stadio iniziale, ma tuttavia un' interessante pubblicazione scientifica, pubblicata da Long Rock Capital, mostra come scommesse sportive eseguite secondo schemi sistematici possano essere in grado di generare profitti più alti di quelli di alcuni fondi speculativi e dello stesso Standard & Poor's 500. I risultati di tale ricerca dovranno sicuramente essere avvalorati da altri studi, ma intanto mostrano come il mondo finanziario sia simile a quello delle scommesse sportive.

Conclusioni

A questo punto, siete ancora sicuri che investimenti e scommesse sportive siano così diversi tra loro? Probabilmente no, ma adesso vi starete chiedendo: come posso scommettere in modo profittevole? In altri termini, come potrei scommettere seguendo una strategia “finanziaria”? Ecco che qui si inseriscono i servizi offerti da noi di Mercurius: sfruttando dati di alta qualità forniteci da wyscout ed algoritmi di intelligenza artificiale, siamo in grado di offrire ai nostri clienti sofisticate strategie di scommessa, anche completamente automatiche, in maniera che anche essi possano trarre profitto da questo mercato.

Sei pronto a diversificare il tuo portfolio?

Diversifica il tuo portfolio con il trading sportivo:

  • altamente scorrelato;
  • esente da tasse in molte giurisdizioni;
  • nessun periodo di lock-up, liquida le tue posizioni in tempo zero
Investi con il supporto dell'IA
mercurius product mockup